Il tuo carrello è vuoto!
Le ceneri di Giovanna D'arco - Storia e mito dell Pulzella d'Orleans

Le ceneri di Giovanna D'arco - Storia e mito dell Pulzella d'Orleans

12,00€


Qtà:  Acquista  
Codice Prodotto: 000000
Punti Fedeltà: 0
Disponibilità: 10

Parlare di Santa Giovanna D’Arco per me è stato sempre un motivo di
scontro anche con il mondo ecclesiale. C’è un dogma il quale dice che
ciò che fa la Chiesa è ben fatto e prima di pronunciarsi l’argomento viene
studiato e vagliato.
Certo è davvero così. A volte si vaglia troppo e si va a trovare il pelo
nell’uovo per non elevare agli onori degli altari una persona che in vita si
è comportata da santo.
Ciò è giustissimo perché la Chiesa potrebbe essere attaccata da ogni lato
anche su questo. La Chiesa ha tante pecche sia nell’era passata che
nell’era attuale.
Non elenco tutto ciò che ha fatto in negativo perché la Chiesa è fatta di
uomini e l’uomo sbaglia, anzi è più facile errare che fare le cose esatte. Si
sbaglia per convenienza, per potere, per negligenza, e per tante altre
cose. Oggi si continua a sbagliare e i fedeli vorrebbero una maggiore
serietà verso chi comanda e forse i maggiori colpevoli sono proprio loro.
Si dovrebbe essere più “Cristiani”. Più umiltà e più amore verso il
prossimo, più durezza verso chi sbaglia. meno attaccamento ai soldi,
meno attaccamento al potere… Comportarsi bene ha il suo vantaggio,
comportarsi male non serve a nulla perché prima o poi, anche gli
ecclesiastici periranno e il male fatto cadrà sulla Chiesa.
Un Santo è tale perché si presume che in vita si sia comportato come
tale, o come è successo con il ladrone, si è pentito con convinzione
mentre moriva.
La Chiesa ha canonizzato anche personaggi che non si sono comportati
bene.
San Paolo con la sua spada trafiggeva i cristiani, poi si è convertito e ha
“lavorato” per Gesù e in questo caso è giusta la sua santità, egli ha capito.
Gesù ha dato la vita per noi peccatori ed i Martiri hanno dato la vita per
Gesù. Nessuno di loro si è mai ribellato attaccando o combattendo il
“nemico”. Anche il “nemico” che ha poi capito, convertendosi al cristianesimo,
è stato santificato. Vedi a esempio Santo Menna, San
Sebastiano, Sant’Espedito, Sant’Ignazio di Loyola e tra gli altri anche San Francesco d’Assisi e che tutti sappiamo cosa poi è avvenuto.
Nulla da eccepire.
Vi è poi una guerriera: Santa Giovanna D’Arco che ha combattuto il
nemico fino alla vittoria. Non voglio aggiungere altro.
Può una persona, a cui viene impartito l’ordine di l’armata avversaria,
affermare di farlo in nome di Dio? Non è concepibile che un essere
umano uccida un altro essere umano, non è concepibile che un cristiano
uccida un mussulmano o un ateo o un induista, come può Dio ordinare
che un cristiano uccida un altro cristiano.
Se Dio avesse voluto ciò l’avrebbe fatto lui stesso e non con la guerra ma
con altri sistemi.
Dio non è sofferenza, non è castigo, non è vendetta. Dio è AMORE.
Santa Giovanna D’Arco fu catturata e condannata al Rogo e a fare ciò fu
la Chiesa stessa. Giovanna D’Arco comunque si è comportata da eroe e
poteva essere ricordata come un eroe nazionale. Gli uomini di chiesa
però, per farsi perdonare, hanno pensato: “Eleviamo Giovanna D’Arco
agli onori degli altari”.
Sono tanti quelli che sono morti innocentemente solo perché la loro
mente era superiore nei pensieri a tant’altri o perché hanno avuto il
coraggio di dire ciò che pensavano. Ad esempio Giordano Bruno che fu
bruciato in piazza Campo dei Fiori a Roma o le tante “streghe” che altro
non erano che povere donne accusate di stregoneria.
Mi sovviene a questo punto una frase che recita: Dio ha dato la vita e Dio
la può togliere. Pertanto noi cristiani dobbiamo seguire l’insegnamento di
Gesù che dice: Porgi l’altra guancia.
Credo che in terra ci siano troppi dei.
Riguardo a Giovanna D’Arco credo che si dovrebbe rifare il processo di
beatificazione per poi fare quello di canonizzazione ma credo che se ciò
venisse preso in esame Giovanna D’Arco non verrebbe annoverata
neanche tra i Servi di Dio.
Non me ne vogliano i devoti ma è solo un mio pensiero. Giovanna
D’Arco è un eroe nazionale francese e dovrebbe essere ricordata come
tale anche in pompa magna.
Le teorie che portano avanti la difesa della beatificazione ed indi della santificazione di Giovanna, non hanno nessun fondamento cristiano.
In teoria i Santi stanno tutti sullo stesso livello. Chi ha fatto una cosa e chi
l’altra. Ognuno ha fatto per il prossimo, per la Chiesa e per Dio ciò che
era in suo potere o possibilità. Ogni cattolico può pregare un santo o
l’altro per intercedere presso Dio. Ma io mi chiedo se sia giusto che un
inglese preghi una francese che è stata l’artefice dell’uccisione di un suo
avo in nome di Dio?
Dopo aver letto questo lavoro di Luciana Manzella, posso affermare che
condivido tutto ciò che lei riporta perché l’autrice ha esaminato ogni
lavoro bibliografico prodotto nel tempo e ha tirato le conclusioni.
Tali conclusioni dovrebbero farci soffermare e dichiarare unanimemente
che chi sbaglia è l’uomo e non la Chiesa e l’uomo deve essere più
accorto perché non può e non deve nascondersi dietro un’istituzione
dove dovrebbe regnare Dio e non l’uomo stesso in nome del Padre. Se
Giovanna non è “Serva di Dio” almeno gli uomini che fanno parte della
Chiesa dovrebbero esserlo.
Giuseppe Barra